…e quella “insolita”